Riorganizzare il lavoro

Un modo nuovo e necessario

Di Stefano Cozzaglio   

La pandemia che ormai è cominciata da quasi due anni ha sortito diversi effetti sul nostro modo di vivere. Innanzitutto bisogna notare che non sono state inserite nuove concezioni che non esistevano prima, ma semplicemente si sono amplificati e velocizzati i loro tempi di attuazione.

 

Purtroppo i concetti che nella nostra società regolano i rapporti di lavoro tra gli addetti sono molto più influenzati dalle conoscenze e dalle raccomandazioni che dall’effettiva capacità delle persone. La ragione di questi comportamenti si evince dalla effettiva debolezza e mancanza di iniziativa dei personaggi che giudicano le nuove leve che vengono loro proposte.                                                                                                                                                                    

Questi devono reperire solo personaggi già pronti per essere adatti ai ruoli che sono stati richiesti, quindi vengono assolutamente esclusi tutti coloro che hanno capacità di gestione autonoma e sono in contrasto con quanto richiesto.                                                                                                                                                                                                                   

Qui si trova la ragione di molti difetti di tutto il sistema produttivo italiano che al posto di elaborare una strada autonoma per ricreare il suo ordinamento lavorativo, ha solo ricopiato i sistemi organizzativi di tipo anglosassone e americano formulati apposta per le sole grosse aziende multinazionali, ma così facendo, senza nuove idee ed in evidente carenza di possibilità finanziarie il rilancio della nostra economia è già destinato al fallimento.                                                                                                                                                                                                               

Per ovviare a questo stato di fatto bisogna analizzare le componenti dell’attuale sistema e depurarlo di tutto ciò che risulta in eccesso rendendolo così più funzionale. Grazie all’attuale stato di crisi si sono evidenziate le componenti attualmente presenti sulle quali bisogna assolutamente intervenire per permettere il rinnovamento del settore.                                                                                                                                                                            

Il tipo di vita seguito prima delle crisi sanitaria (vera oppure solo indotta che fosse) era evidentemente superiore alle possibilità economiche esistenti, in più sono anche cambiate diverse caratteristiche funzionali ai rapporti sociali da instaurare.                                                                                                                         

Molte delle iniziative attuate a scopo sanitario hanno sconvolto i rapporti umani e sociali esistenti impedendoci, in maniera a volte anche brutale, dei comportamenti che davamo per definitamente acquisiti. Il distanziamento e l’utilizzo di numerosi e fastidiosi presidi sanitari utilizzati ormai da troppo tempo, stanno modificando le nostre abitudini creando una repulsione al contatto ed alla socialità tra le persone.                                                                                                                                                                                                            

Mancando il dialogo tra le persone si rarefanno i contatti utilizzabili per sviluppare situazioni di lavoro mentre contemporaneamente si diffonde l’abitudine a rifiutare ogni tipo di possibile contatto fisico.  Queste solo alcune delle trasformazioni che già esistevano, ma sono state imposte con maggiore durezza proprio in concomitanza con questo periodo.                                                                                                                                                            

Ma il nuovo sistema economico al quale ci vogliono abituare rendendo queste misure sanitarie straordinarie come ordinarie, si regge anche su altre e più diffuse costrizioni, fondamentalmente la nostra libertà può essere espressa quanto più manteniamo la capacità di gestione personale e rifiutiamo ogni mezzo di controllo che ci viene imposto dall’esterno.                                                                                                                               

Ma quali sono i mezzi di controllo che dobbiamo evitare? Carte di credito ed ogni tipo di pagamento non diretto fanno parte di questa famiglia di strumenti inventati per tracciare ogni nostro movimento economico e poi potere agire di conseguenza. Da qui si cade facilmente preda delle banche che vogliono ingabbiarci nella rete dei finanziamenti concessi su pegno.                                                                                                                             

Se il meccanismo del prestito in alcuni momenti può avere dei vantaggi ovviando alla mancanza immediata di disponibilità economica, attualmente il ricorso esagerato a questo strumento finanziario è diventato troppo vincolante e lesivo addirittura per la nostra libertà di scelta.                                                                                                     

Altri strumenti ancora più diffusi e più semplici da usare come i telefoni cellulari sono fatti per registrare non solo le nostre transazioni economiche, ma anche i nostri movimenti personali rendendo evidente ogni nostro spostamento ed ogni contatto telefonico superando i limiti segnati dalla riservatezza personale.                                                                                                                                                                                                        

Nel campo del lavoro questi dati sono venduti alle grandi multinazionali sia produttive, che economiche che tendono ad accaparrarsi la costruzione, ma anche la gestione ed il controllo della rete delle funzioni necessarie alla nostra vita.                                                                                                                                                                                                                 

Un’altra abitudine negativa nata con questo periodo di crisi è l’eccessivo utilizzo dei mezzi elettronici che stanno distruggendo la socialità tra le persone e con essa anche consuetudini radicate come l’insegnamento in presenza, Il tutto viene giustificato con un maggiore utilizzo dell’istruzione a distanza e con mezzi elettronici, facendo passare il tutto come una necessaria evoluzione dei rapporti umani.                           

La maggiore socialità deve portare anche ad un aumento degli scambi commerciali fatto con i negozi di zona preferendoli ai centri commerciali ed ai grossi supermercati, fidelizzando le attività di zona si contribuisce anche a rivitalizzare il tessuto sociale che così viene posto in condizione di opporsi anche alle offensive dei grossi gruppi commerciali esteri in cerca di nuovi mercati da colonizzare.

 

Articolo tratto da http://www.spaziotesla.it/eividenza/1265-un-modo-nuovo-e-necessario-di-riorganizzare-il-lavoro.html 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu